Reporter per un giorno #3

Redazione SMS MAG

1 Maggio 2019

Il Santa Maria della Scala raccontato dagli studenti del Master in Comunicazione d’impresa dell’Università di Siena

Qualche settimana fa vi avevamo parlato di una collaborazione tra il Santa Maria della Scala e il Master universitario di primo livello in Comunicazione d’impresa. Linguaggi, strumenti, tecnologie dell’Università di Siena.

Nell’ambito delle attività, lo scorso 8 Febbraio 2019 gli studenti del Master hanno visitato il Complesso Museale senese con lo scopo di realizzare lo storytelling delle mostre e raccontare la storia del museo. Ogni mercoledì SMS MAG pubblicherà i loro lavori che raccontano, con uno sguardo innovativo e creativo, il Santa Maria della Scala.

Reporter per un giorno #1

Reporter per un giorno #2

Questa settimana l’articolo e il video raccontano il Complesso Museale come luogo di accoglienza nei secoli.


Il cammino dell’uomo

L’accoglienza al Santa Maria della Scala

A cura di Giulia Bordini, Luca D’Angelo, Valeria Iannitti, Anna Lazzarin e Giulia Turini

Via Francigena, un viaggio spirituale, a contatto con la natura, lungo millesettecento chilometri che da Canterbury porta a Roma. Un percorso che fa tappa a Siena, in Toscana, tra la zona del Chianti e la Val d’Orcia.

Partendo da Porta Camollia, raggiungiamo a piedi il Battistero e, salendo la grande scalinata, arriviamo in Piazza del Duomo, dove si trova il Complesso Museale di Santa Maria della Scala, che ci ha permesso di fare un viaggio nel tempo, così come un pellegrino percorreva le strade della Via Francigena.

Un luogo attualmente ospitale, la cui accoglienza si rivolge a pellegrini, studenti, viaggiatori e amanti della cultura. Saper accogliere significa far entrare i visitatori nel vivo della storia della città, nelle abitudini della gente che la vivono ogni giorno, nelle tradizioni che caratterizzano un luogo e che ne rappresentano l’essenza.

Fa effetto essere illuminati dalla stessa luce che filtra dalla grande finestra del Pellegrinaio e percorrere lo stesso selciato che veniva attraversato dalle persone del tempo. Sempre alla ricerca, sempre in movimento. Emoziona osservare gli affreschi che congelano il tempo e la storia in un istante.

I pellegrini e i bisognosi, al tempo, arrivavano in questo luogo ricercando cure e sostegno, condividendo le proprie esperienze di viaggio, creando così una comunità solidale. Questa ricerca non si esaurisce ma si arricchisce di nuovi valori consentendo ai viandanti e ai forestieri di entrare nel cuore vivo e pulsante di Siena.

Santa Maria della Scala rappresenta uno spazio di incontro tra il vecchio e il nuovo, tra gli antichi affreschi che raccontano le storie del passato e le moderne esposizioni che parlano al futuro. È questo il senso del nostro viaggio. Partire come studenti e trovarsi viaggiatori del tempo.

“Anche un viaggio di mille miglia inizia con un singolo passo” Lao Ttzu.

 

Iscriviti a SMS MAG LETTER